Hessdalen 1982 dimostrazione documentata di una visita Extra terrestre sulla Terra!

In questa breve bloggata si cercherà di dimostrare che alcuni tipi di plasmoidi presenti in Hessdalen sono mezzi alieni probabilmente costruiti da una robo-nano-base presente nella zona.

Alcuni plasmoidi sono anomali: più caldi fuori di quanto lo siano dentro e questo viola i principi di termodinamica.
https://www.cicap.org/n/articolo.php?id=101941
https://youtu.be/dzaax03vp-c

Plasmoidi che nel 1982 dipinsero nel cielo notturno i profili del missile Agena e del modulo Gemini

Questa foto proviene dal sito di Hessdalen è originale fu scattata nel 1982 e sul sito di Hessdalen la potete trovare gratuitamente in dimensioni stereofoniche! quindi non occorre mettere la sua gigantografia sul blog. http://www.hessdalen.org/pictures/


Il missile Agena
Prodotto dalla Lockeed nel 1959 fu creato come modulo per sperimentare le manovre di "rendez vous" nello spazio con il modulo Gemini (in vista degli sviluppi futuri per le missioni Apollo in agganciamento del LEM) https://en.wikipedia.org/wiki/RM-81_Agena

Fotografia del satellite Agena, scattata dalla Gemini durante le operazioni d'avvicinamento al satellite Agena e poi inizio delle manovre d'aggancio. L'agganciamento tra Gemini ed Agina non avveniva in senso ortogonale, ma in senso longitudinale, la parte d'attracco per l'Agena era infatti posta a prua del satellite (dalla parte opposta dei razzi).
Il modulo Gemini
Era una capsula biposto costruita dalla NASA nel 1961 per sperimentare l'attività extra-veicolare nell spazio testando le tute spaziali (che avrebbero protetto gli astronauti sulla Luna nel progetto Apollo), testare le tecnologie per effettuare manovre di "rendez vous" nello spazio (indispensabili per agganciare il modulo LEM al modulo di comando, effettuando necessariamente l'operazione in orbita e prima di salpare per la Luna con le missioni Apollo)
https://en.wikipedia.org/wiki/Project_Gemini

Mettendo a confronto in un'immagine, il tracciato del plasma di Hessdalen del 1982 quanto le foto del veicolo spaziale Gemini e del satellite Agena, pur tenendo presente le diverse prospettive delle foto, è possibile IMMEDIATAMENTE NOTARE LE FORTI SIMILITUDINI presenti nelle tre immagini.
Proviamo ad applicare alcune logiche di riconoscimento delle immagini:

Il primo plasmoide circoscritto rapidamente dal pennello verde, traccia una figura piena simile ad una T dalla quale si promana una sorta d'asta verticale posta a 90°gradi rispetto alla struttura. Anche la struttura del satellite Agena ha una forma a T, a causa della sua antenna con cui riceveva dati da terra!.

Il secondo plasmoide circoscritto rapidamente dal pennello rosso, traccia il profilo di una capsula che ricorda tantissimo la Gemini. E' facilmente riconoscibile infatti la punta tozza e tronca ma più piccola del resto della struttura, poi si nota la classica struttura conica frontale, quindi la struttura posteriore che appare sferica oppure vagamente ottagonale. La Gemini differisce leggermente solo nella parte posteriore che ha una struttura perfettamente circolare. 

Dal primo al secondo plasmoide si promana una sorta di filamento.
Il radar di approaching posto anteriormente sulla Gemini, serviva ad emettere onde radio che riflesse dall'Agena, permettevano all'equipaggio della Gemini di localizzarne la distanza e calcolare la velocità relativa per un corretto avvicinamento. C'erano DUE RADAR a bordo della Gemini: il Radar di Rendez-vous ed il Radar-Transponder, questo spiega i due piccoli bitorzoli nella punta dell'oggetto disegnato!.

Th:
A me pare evidente che applicando strette logiche di riconoscimento delle immagini, si giunge alla inevitabile conclusione che per qualche arcana ragione, la foto di Hessdalen scattata nel 1982 ritrae un oggetto plasmoide che ha dipinto nel cielo notturno, i contorni del missile Agena e del modulo Gemini, incluso il legame radar-logico dalla Gemini per tracciare l'Agena. 

Da cui s'inferisce che:
  • il plasmoide non ha una dinamica erratica e naturale, anzi è mosso da attività intelligente ed è quindi la materiale prova tecnologica di una tecnologia ExtraTerrestre in visita nel 1982 sul nostro pianeta!.
  • E forse anche possibile che il pattern dipinto del plasma nella notte del 1982 in Hessdalen, potesse rappresentare l'immagine tridimensionale espressa in Radar Cross Section dell'Agena quanto della Gemini, ossia degli oggetti terrestri per come erano stati spottati, dai radar alieni.